Le banche iraniane rientrano in Swift

05 Aprile 2016
Author :  

Sono già 15 gli istituti ricollegati al sistema di scambio internazionale dopo la fine dell'embargo. Sbloccati fondi per 100 miliardi di dollari.

Il sistema bancario iraniano fa un nuovo passo verso la normalizzazione dei rapporti internazionali dopo la fine delle sanzioni. La Banca Centrale dell'Iran (CBI) ha annunciato che 15 banche si sono ricollegate al sistema di scambio SWIFT.

Le prime sono state le quatto banche private Dey, Saman, Pasargad e Parsian, insieme alle pubbliche Maskan e Keshavarzi.

Ora una altro importante gruppo di 11 banche iraniane si sono potute ricollegate al sistema internazionale SWIFT, al termine dei negoziati condotti dalla stessa Banca centrale. Sono: Tejarat, Refah Kargaran, Export Development Bank of Iran, Bank Sepah, Post Bank, Bank of Industry and Mine, Iran-Europe Bank, Cooperative Development Bank, Bank Sina, Bank Mellat e Bank Melli Iran.

“Da oggi le nostre banche potranno accedere allo SWIFT”, afferma Mohsen Jalalpour, numero uno della camera di commercio iraniana. “Essendo state soggette alle restrizioni, hanno avuto bisogno di un po’ di tempo per predisporre l’infrastruttura necessaria. Ora, però, sono pronte per ripartire”, aggiunge.

Con la fine dell'embargo il governo iraniano può accedere liberamente ad asset per oltre 100 miliardi di dollari che erano bloccati su conti all'estero a causa delle sanzioni che avevano escluso il Paese anche dal circuito Swift. Ristabilita l'interoperabilità ora gli imprenditori possono già aprire lettere di credito all'estero per pagare le merci. Ci vorrà invece più tempo per riattivare una presenza diretta da parte di banche estere nel territorio della Repubblica islamica.

 

Fonte:Bancaforte

2598 Views
Hooman Mirmohammad sadeghi

Business Development Consultant For Iran & Italy

  

Calendario di Fiere

Gennaio 2016
Sab Dom Lun Mar Mer Gio Ven
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
Top